The Journey awaits

V

Diario di sviluppo n.0 – La visione

2021-05-20

Ciao a tutti!

Sì, è proprio come sembra. E no, non è un pesce d’aprile in ritardo. Dopo tutti questi anni e tutti questi meme, finalmente Victoria 3 è stato confermato. Sono Martin “Wiz” Anward, Game Director di Victoria 3, ed è un piacere indicibile poter finalmente rivelarvi ciò a cui sto lavorando dal 2018 (più o meno da quando ho lasciato l’incarico di Game Director di Stellaris).

Quindi, che cos’è Victoria 3? Posso iniziare dicendovi che sicuramente è un gioco degno della serie Victoria, perché si concentra su economia, politica e gestione interna del Paese; in più è caratterizzato dall’iconico sistema della popolazione di Victoria, che qui non è solo una meccanica di base, ma è anzi molto più radicata che nei suoi predecessori.

Anche se Victoria 3 è un gioco a sé stante, e non un’iterazione di Victoria 2, la nostra ambizione è quella di creare un degno successore che rimanga fedele ai valori fondamentali della serie Victoria e che impieghi ciò che abbiamo imparato nell’ultimo decennio in termini di accessibilità, in modo da poterla utilizzare per creare un gioco ancora più immersivo sia per i giocatori più affezionati che per quelli nuovi!

La nostra visione per Victoria 3 è quella di creare ciò che noi chiamiamo una “simulazione di società”, ossia un gioco che sia prima di tutto focalizzato sulle dinamiche interne del Paese nel XIX secolo, in cui è ambientato il gioco, e su come la sua società venga plasmata nel corso della partita. Politica, economia e diplomazia sono i tre aspetti più importanti. Le guerre sono ovviamente parte integrante del gioco (proprio come lo erano in età vittoriana), ma Victoria 3 *non* è un gioco di guerra né di cartografia.

Dunque, in futuro ci saranno un sacco di diari di sviluppo che serviranno ad approfondire le meccaniche di gioco, ma, per concludere questo diario in particolare, voglio parlare brevemente dei quattro pilastri del game design su cui ci siamo concentrati durante la progettazione e la creazione di Victoria 3:

  • Coltivazione della nazione – Costruire, modellare, modificare e far evolvere la tua nazione è il primo e il principale obiettivo del gioco. È naturale che gli eventi al di fuori dei confini del Paese possano influenzarlo in modo significativo, ma il gioco non fa mai della guerra la principale fonte di divertimento.
  • Eminenza diplomatica – La guerra non è che il seguito della diplomazia, e tutto ciò che è conseguibile con la guerra dovrebbe esserlo anche attraverso azioni diplomatiche (talvolta accompagnate dalla punta di una lama poggiata dietro la schiena).
  • Tutto è politica – La politica è il cuore pulsante di Victoria 3, e tutte le caratteristiche principali si ricollegano, in qualche modo, alle popolazioni e ai gruppi di interesse, che sono alla base delle dinamiche politiche del gioco.
  • Epoca di cambiamenti – L’era vittoriana è stata un’epoca di profondi cambiamenti a livello politico, tecnologico, culturale, militare e sociale, e questi mutamenti sono riflessi nell’esperienza di gioco delle campagne di Victoria 3.

Beh, è tutto per questa settimana, ma ci risentiamo la prossima per parlare del ritorno del sistema della popolazione di Victoria e dell’introduzione delle persone a carico.

Avremo anche molte altre notizie interessanti da condividere più avanti, quindi assicuratevi di seguirci su Facebook, Twitter, Discord, i forum di Paradox e il sito ufficiale di Victoria 3 per rimanere sempre aggiornati.